I PRIMATI ATTUALI

I PRIMATI DEL TERZIARIO

 I PRIMATI ATTUALI

EVOLUZIONE DELLA MANO NEI PRIMATI

PALEANTROPOLOGIA

ANTROPOMETRIA

pag. 2

 

CLASSIFICAZIONE

 

L'ordine dei primati comprende due sottordini: quello delle "Prosimiae" e quello delle "Simiae". La separazione delle Prosimiae dal resto dei Primati si basa essenzialmente sulla morfologia e sui rapporti tra le parti delle narici esterne, che in questo gruppo sono molto simili a quelle della maggior parte degli altri Mammiferi, in cui è conservato il primitivo "rinario", nudo e umido. Il rinario si continua verticalmente nel labbro superiore come un tratto umido mediano percorso da un solco mediano (o "filtro"), condizione che é in rapporto al fatto che il labbro superiore nella sua superficie profonda è attaccato al sottostante processo alveolare mediante un frenulo del labbro superiore. Il labbro pertanto é reso relativamente immobile e protusibile, né reversibile.

Sottordine delle "Prosimiae"  (VEDI TABELLA)

Il sottordine delle Prosimiae comprende 4 infraordini: Tupaiformes, Lemuriformes, Lorisiformes, Tarsiiformes.

TUPAIFORMES

Le Tupaiformes, animali arboricoli dalle dimensioni di un topo, per particolari caratteristiche anatomiche da alcuni Autori ancora oggi vengono annoverate tra gli Insettivori. Hanno muso appuntito, orbite grandi rivolte lateralmente e con margine esterno completo; dentatura che presenta affinità con i Lemuriformi ed arti di lunghezza pressappoco uguale. Sono animali dalla figura slanciata, di piccola taglia ed agili, con code lunghe e folte e arti relativamente corti, soprattutto quelli anteriori.

L' infraordine delle tupaiformes comprende la sola Famiglia (Tupaiidae) con 2 sottofamiglie: 

                 a)    Tupaiinae: con coda lunga e folta; habitat: Asia meridionale ed insulare               

                 b)    Ptilocercinae: con coda nuda e ricoperta da squamette solo nel terzo terminale; habitat: isole della Sonda.

 LEMURIFORMES 

Sono notturni ed arboricoli, sebbene il loro arborismo sia interrotto da soggiorni al suolo dove hanno un'andatura "pronograda". Il corpo é coperto di fitta pelliccia e la coda, più o meno sviluppata, mancante nelle Indriidae, non è prensile. Gli arti posteriori sono in genere più lunghi degli anteriori, le unghie sono piatte ad eccezione del secondo dito dell'arto posteriore che è munito di artiglio. Hanno muso allungato e appuntito; orbite non completamente chiuse all'esterno; gli incisivi superiori, che in alcuni gruppi mancano, sono nella parte mediana separati da un largo spazio che accoglie gli incisivi inferiori e i canini, tutti insieme accollati per formare il cosiddetto "pettine", che é proiettato obliquamente in alto e in avanti. Le labbra sono protusibili. La loro alimentazione consiste di foglie frutti altri vegetali integrati da una quantità non trascurabile di insetti.

Comprendono 3 Famiglie: 

          a)   Lemuridae: con 2 sottofamiglie 

          b)   Indriidae: con 1 sottofamiglia in cui le ultime 4 dita del piede sono riunite da una membrana 

            c)    Daubentonidae: in questa sottofamiglia mancano i canini, è presente un largo diastema tra incisivi e premolari, il 3° dito della mano è particolarmente sottile e  l'animale lo adopera per battere sui tronchi degli alberi e farne uscire gli insetti. 

Habitat: è comune per tutte e tre le famiglie ed è il Madagascar.

 LORISIFORMES 

Sono animali arboricoli e insettivori con faccia allungata e labbra non protusibili. Anche in questo infraordine le orbite sono incomplete, grandi, molto ravvicinate e rivolte in avanti. La coda è  ridotta o assente nelle Lorisidae, mentre è lunga a pelosa nelle Galagidae. Il 2° dito della mano é atrofico o assente, il 2° dito del piede è munito di artiglio. Comprende 2 Famiglie:

a)    Lorisidae: con torace appiattito in senso dorso­ventrale; habitat: Asia meridionale e insulare, Africa.

b)   Galagidae: i cui arti posteriori hanno astragalo e scafoidi allungati che possono raggiungere circa un terzo della lunghezza della tibia; habitat: Africa. 

 TARSIIFORMES 

Piccoli animali notturni con cranio voluminoso e faccia ridotta, orbite grandi completamente chiuse all'esterno e frontalizzate; il foro occipitale è spostato in avanti e gli incisivi inferiori non sono proclivi. Gli arti posteriori sono lunghi, con cuboide e scafoide molto allungati; dita con unghie piatte ad eccezione del 2° e 3° dito del piede muniti di artigli.

Comprende una sola Famiglia (Tarsiidae) con coda molto lunga e tarso lungo quasi come la tibia. Habitat: Asia insulare. 


I PRIMATI DEL TERZIARIO

 I PRIMATI ATTUALI

EVOLUZIONE DELLA MANO NEI PRIMATI

PALEANTROPOLOGIA

ANTROPOMETRIA

INDIETRO

AVANTI

aggiornamento: 29/12/2009